I sintomi del piede diabetico da “pazienti.it” I primi sintomi del piede diabetico

Piede diabetico
I preoblemi del diabete per i piedi

I sintomi del piede diabetico da “pazienti.it”. Riportiamo qui una intervista alla apparsa su wwwpazienti.it sui sintomi  del piede diabetico . Si parla di diabete, cause e terapia ma nella prima intervista si cerca di spiegare i primi simtomi che devono allertere i pazienti per poi recorsi ndal mdico e poi dalla specialista

Come appare un piede diabetico
Un piede diabetico iniziale

 

Riportiamo qui l’articolo come è apparso nella intervista fatta al Dr Paolo Madeyski , chirurgo e pseiclista da anni alla patologia del piede diabetico e alle ulcere difficle degli arti inferiori. Specialmente da quando dal 1999 ha brevettato alcuni dispsotivi fino ad  ULCOSAN NEW la cui descrizione la potete trovare su http://www.mpsystem.info  

e sul sito

http://www.cameramadeyski.it

Testo a cura del dr. Paolo Madeyski, specialista in chirurgia generale. 


Il piede diabetico è un disturbo che colpisce i pazienti con diabete grave. Difficile è trattare le lesioni cutanee al piede e, spesso, le persone colpite tendono a subire delle infezioni acute e dolorose.

Abbiamo rivolto alcune domande al dr. Paolo Madeyski, chirurgo, per capire insieme quali sono i primi campanelli d’allarme da non sottovalutare.

Piede diabetico: qual è l’incidenza del disturbo?

Il diabete è una patologia molto frequente e in aumento per lo stile di vita ai giorni nostri.

Una delle conseguenza più frequenti è la condizione denominata piede diabetico. Trattasi di una condizione che si riscontra nelle persone con diabete di tipo 1 ma anche con tipo 2.

L’OMS ci dice che circa il 15% dei diabetici andrà incontro nella sua vita a una lesione trofica del piede, che può richiedere cure mediche fino ad arrivare a terapie chirurgiche anche demolitive.

Tali lesioni, se non trattate precocemente, possono aver bisogno di trattamenti importanti, come l’amputazione di una piccola porzione di tessuto o di un dito (amputazioni minori) o, addirittura, del piede e di un arto (amputazioni maggiori).

Il diabete, se non viene curato in maniera corretta, comporta problemi legati a una complicanza tipica dei diabetici e cioè alla neuroangiopatia diabetica. Questa situazione è collegata a una riduzione della sensibilità negli arti del paziente, riduzione provocata appunto dal diabete mellito, che può danneggiare i nervi degli arti inferiori e dei piedi.

Come conseguenza di tale riduzione della sensibilità, si registra una difficoltà nell’avvertire la presenza di iniziali lesioni nella zona dei piedi. Ma, oltre al danno neurologico, vi è una riduzione della circolazione arteriosa negli arti inferiori, con danni al trofismo con maggiore fragilità della cute, che facilmente si lesiona anche per minimi traumatismi, fino ad arrivare a ulcere.

Se poi a un’angioneuropatia diabetica con diminuzione della sensibilità aggiungiamo il fumo, l’utilizzo di scarpe non adeguate, la presenza di deformazione delle dita (come alluce valgo o piede di Charcot), la situazione diventa complessa e grave, sia per i sintomi che per le conseguenze.

Naturalmente, i sintomi dipendono dalla gravità della lesione.

Quali sono i sintomi del piede diabetico?

I sintomi iniziali del piede diabetico sono principalmente:

  • la perdita dei peli;
  • le unghie che iniziano a crescere male;
  • la sensazione di freddo.

Sono sintomi molto comuni e, quindi, spesso sottovalutati, in quanto legati alla arteriopatia che normalmente tali pazienti hanno, poiché le arterie e i capillari distali degli arti inferiori finiscono per chiudersi progressivamente.

Spesso, non si riesce ad avvertire l’arto e il piede viene appoggiato in maniera scorretta, favorendo indurimenti della pelle, come calli e vesciche.

Il vero problema è che, perdendo la sensibilità, non si riesce ad accorgersi di lesioni anche minime o ustioni o piccole ulcere, che possono infettarsi causando una progressiva cancrena dei tessuti. Ricordiamo che solo una parte dei diabetici lamenta dolori ai piedi, perché in genere il piede diabetico è asintomatico.

Complicanza di piede diabetico
Dita con nercosi in piede diabetico

 

All’inizio, l’ulcera si forma sul bordo dell’unghia dell’alluce, oppure sotto la pianta del piede, nella zona più vicina alle dita e poi si può espandere a tutte le dita e a tutto il piede. Può iniziare come arrossamento di una parte del piede, come gonfiore o, a causa della presenza di vesciche, si manifesta attraverso difficoltà nel camminare, dolore, cambiamento del colore della pelle o febbre.

I diabetici sono predisposti alle infezioni batteriche e fungine nel piede, a causa della cattiva alimentazione. L’aumento del livello di zucchero nel sangue rappresenta una minaccia per il sistema immunitario della persona. E le infezioni possono non fermarsi ai tessuti molli, ma colpire anche l’osso e il midollo osseo (osteomielite).

Qual è lo stile di vita da adottare in caso di diabete?

In casi di diabete grave, il consiglio è di:

  • avere una massima igiene e controllo dei piedi;
  • mai sottovalutare qualsiasi dolore ai piedi, specialmente alle dita, o bruciore costante, formicolii, edemi, arrossamento localizzato, muscoli doloranti e deboli agli arti inferiori, calli, pelle infiammata e naturalmente ulcerazioni.

È bene ricordarsi che ogni piccolo campanello d’allarme è da segnalare al proprio medico, se si è affetti da diabete, perché il contesto della malattia modifica decisamente la percezione di un piccolo taglio o di una ferita arrossata.