Riutilizzo della Camera Normobarica per ossigenoterapia Procedura per il riutilizzo della Camera Normobarica

Riutilizzo-della-camera-normobarica-per-ossigenoterapia

Riutilizzo-della-camera-normobarica-per-ossigenoterapia
Camera Madeyski nella sua compatezza

Tale procedura validata dall’ente certificatore CERMET deve essere utilizzata ogni qualvolta il dispositivo è usato per un paziente diverso.

La terapia non prevede contatto diretto fra le parti della camera e le ferite dei pazienti.  Per tale motivo si ritiene sufficiente un accurato lavaggio della parte interna con liquidi antisettici.

Gli accessori di complemento quali il manicotto di collegamento, i supporti del piede e della caviglia sono destinati al singolo paziente e non sono riutilizzabili da altri e alla fine del ciclo di terapie individuali devono essere eliminati.

Nello specifico, prima che il dispositivo venga riutilizzato:

1) deve essere effettuata l’apertura dei due gusci della Camera che devono essere appoggiati su un supporto non rigido per evitare lesioni al di policarbonato;

2) La parte superiore deve essere appoggiata per la pulizia su di un lato o verso l’alto sempre su supporto non rigido;

3) La parta interna deve essere lavata prima con una spugna di fisiologica e successivamente, sempre utilizzando la spugna, con disinfettante (Cidex, Panseptil o Clorixidina);

4) Anche la parte esterna che non viene a contatto con la ferita deve essere pulita con una spugna umida di disinfettante e poi nuovamente con la spugna umida di fisiologica;

5) Dopo aver pulito la parte esterna e quella interna si asciugano le due parti con un panno soffice e le si lascia aperte per un’ora prima di ricomporla;

6) Al momento della richiusura si esegue il prelievo per il tampone nella parte interna.

MODALITÀ DI UTILIZZO DELLA PARTE ELETTRONICA

La strumentazione collegata col dispositivo ha la funzione di monitorare le condizioni ideali di temperatura e di umidità durante l’effettuazione della terapia (da 15 a 25 gradi ti temperatura, umidità non inferiore al 50%). Avendo dei LEDS non deve essere esposta ad acqua o ad altri liquidi che possono entrare nella strumentazione e rovinarla.

Si deve solo pulirla con un panno e nel caso di macchie di qualsiasi genere pulirla dolcemente con una spugna umida.

Non si deve mai aprire la confezione della parte elettronica ma affidarla a tecnici o chiamare la ditta, pena la perdita di garanzia. È bene che anche la apertura per la sostituzione delle pile sia fatta da persone esperte.

MODALITÀ DI SMALTIMENTO

Si fa riferimento alla norme di smaltimento vigenti per ogni singolo componente.

In caso di dubbi sull’individuazione della destinazione contattare il fabbricante.

RACCOMANDAZIONI

Si ricorda che il dispositivo è costruito in policarbonato di media pesatura per una maggior praticità e comfort del paziente e degli operatori. Esiste poi una strumentazione nella parte superiore a LED.

Ne consegue che si devono usare le attenzioni dovute a tale materiale evitando traumi e maneggiandolo con cura; si deve evitare altresì spargimento di liquidi sulla parte superiore dove esiste la strumentazione.

Scarica l’allegato